Studio della Commissione europea sull’impatto dell’approccio LEADER sullo sviluppo territoriale equilibrato

La Commissione Europea ha pubblicato oggi uno studio che valuta l’impatto di  LEADER sullo sviluppo territoriale. Ha concluso che LEADER ha sviluppato in modo efficace soluzioni per affrontare le sfide e le opportunità di sviluppo economico e sociale a livello locale. Lo studio suggerisce che le aree di forza di LEADER sono la creazione e il mantenimento di posti di lavoro, il valore aggiunto locale dei prodotti e la modernizzazione delle imprese. Anche il miglioramento delle capacità e delle conoscenze di governance locale nell’ambito delle operazioni è stato identificato come un vantaggio. Inoltre, lo studio rileva che le prestazioni di LEADER nello sviluppo del capitale ambientale o nella promozione dell’azione per il clima erano meno visibili.

Lo studio ha raccolto prove sulla progettazione, la realizzazione e l’impatto di LEADER. Ciò includeva l’analisi della spesa dei paesi dell’UE, sondaggi a livello dell’UE, interviste, studi di casi locali e altro ancora. Pur rappresentando solo il 7% circa del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), LEADER ha dimostrato la sua pertinenza ed efficacia nel contribuire allo sviluppo rurale sostenibile in tutta l’UE.

Nonostante il suo accesso limitato alle risorse dell’UE, LEADER è stata in grado di sviluppare soluzioni complesse e personalizzate a livello locale per molte sfide dello sviluppo rurale. La valutazione sottolinea l’importanza dell’informazione, della consapevolezza, della chiarezza e della fiducia per garantire risultati convenienti ea valore aggiunto da LEADER in un’ampia varietà di situazioni e contesti locali.

Sebbene i risultati dello studio siano estremamente positivi, sono state individuate alcune aree di miglioramento, in particolare per quanto riguarda lo scambio di conoscenze tra i diversi livelli della governance e del sistema di erogazione. Questi includono una migliore comunicazione e chiarezza dei ruoli all’interno di LEADER, la semplificazione delle procedure, una maggiore collaborazione e nuovi indicatori per cogliere meglio i risultati di LEADER.

Questo studio, insieme alle risposte ai quesiti specifici della PAC della consultazione pubblica sulla visione a lungo termine per le zone rurali , contribuirà a una valutazione complessiva dell’impatto di LEADER sullo sviluppo territoriale equilibrato, che sarà pubblicata alla fine del 2022.

Lo studio di valutazione sull’impatto di LEADER sullo sviluppo territoriale equilibrato comprende una sintesi in inglese e francese, nonché un opuscolo che fornisce una panoramica concisa dello studio e delle sue raccomandazioni.

Sfondo

Uno degli obiettivi della politica agricola comune dell’UE è contribuire a uno sviluppo territoriale equilibrato attraverso una serie di misure come LEADER (Liaison Entre Actions de Développement de l’Économie Rurale).

L’ approccio LEADER mira a coinvolgere le persone e le organizzazioni locali nella progettazione di strategie di sviluppo rurale di tipo partecipativo. I Fondi strutturali europei finanziano l’approccio LEADER allo sviluppo locale di tipo partecipativo (CLLD), principalmente tramite il FEASR.

LEADER è stato introdotto per la prima volta nel 1991 come iniziativa comunitaria per coinvolgere gli attori locali nel contribuire allo sviluppo futuro delle loro aree rurali. L’approccio è stato incluso nel precedente periodo di programmazione (2007-2013) come parte integrante della politica di sviluppo rurale dell’UE. Nell’attuale periodo di programmazione 2014-2022, LEADER è attuato da circa 2800 gruppi di azione locale (GAL). Questi GAL sono composti da rappresentanti degli interessi socioeconomici locali pubblici e privati ​​e coprono oltre il 60% della popolazione rurale dell’UE.

Studio di supporto alla valutazione sull’impatto di LEADER sullo sviluppo territoriale equilibrato

Quadro comune di monitoraggio e valutazione

La PAC contribuisce a uno sviluppo equilibrato delle zone rurali dell’UE

Sviluppo rurale

LEADER/CLLD

Consultazione pubblica sulla visione a lungo termine per le zone rurali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.